REPORTAGE V.E.D.Tv GIFFONI FILM FESTIVAL 2017

 

La 47esima edizione del Giffoni Film Festival ha visto l’associazione culturale V.E.D.  (www.vedassociazione.it) ancora una volta presente e impegnata a realizzare il suo reportage col contributo dei più giovani tra i suoi soci. 

 

IL VIDEO >>>

 

 

Da anni condividiamo col Giffoni la mission destinata ai giovani, sul cui futuro è sempre più importante credere e investire.

Ogni anno la giovane troupe costituisce un piccolo ufficio stampa della web tv  per un reportage del GIFFONI FILM FESTIVAL a cui il sito www.vedtv.it dedica un'intera pagina con news, dirette e video della rassegna.

 

L’atmosfera che si respira a Giffoni diventa di anno in anno sempre più coinvolgente grazie ai giovani “giffoners” che riempiono le sale e le strade della cittadella campana del cinema internazionale. I ragazzi che abbiamo incontrato, orgogliosi nelle loro tee-shirts colorate, si aggiravano per il festival con la passione e la competenza di giurati professionisti. Alcuni giovanissimi che si sono fermati ai nostri microfoni ci hanno raccontato con gli occhi lucidi che già da molti anni seguono questo piccolo “miracolo cinematografico” italiano, che amano perché offre loro molte opportunità: assistere alle proiezioni, esprimere giudizi e valutazioni, incontrare artisti di statura nazionale ed internazionale, stringere nuove amicizie, consolidarne altre, fare esperienza di vita in autonomia dalle famiglie, sperare di ritornare il prossimo anno. Abbiamo incontrato anche chi a Giffoni non c’era mai stato e che è stato subito investito dalla “febbre dello giffoners” a cui, questo è certo, è impossibile sottrarsi.

 

La nostra associazione organizza periodicamente presso Università, Istituti Scolastici, Penitenziari e Associazioni culturali laboratori di Cinema finalizzati a progetti di formazione per giovani.

 

I nostri corsi di filmmaker prevedono due livelli: uno base di alfabetizzazione cinematografica ed educazione al cinema, destinati per lo più alle Scuole Primarie e Secondarie, i cosiddetti Laboratori “Cinema Scuola”; uno avanzato di Cinematografia per le Università.

La novità di quest’edizione del Giffoni è stata rappresentata dalla presenza del Ministro dell’Istruzione Fedeli che ha siglato un Protocollo d’intesa allo scopo di promuovere il cinema fra ragazze e ragazzi nelle istituzioni di ogni ordine e grado e di sistematizzare l’ampia offerta culturale del Giffoni per le scuole. L’iniziativa è stata sostenuta anche dal vicepresidente della Camera dei Deputati Di Maio il quale ha affermato che “questo modello dobbiamo portarlo in una idea di Paese da qui a 15 anni, quando le professioni che vengono create a Giffoni saranno le professioni predominanti nel futuro mercato del lavoro”. 

 

Un incontro fortunato è stato ancora quello con il regista Giovanni Veronesi che, ad una platea di genitori in attesa di assistere al suo film “Non è un paese per giovani”, ha raccontato che sono tre anni che conduce una trasmissione dal titolo omonimo su Rai Radio2 raccogliendo le voci dei ragazzi che vanno all’estero e dei quali gli è parso doveroso occuparsi. Un film per adulti ai quali ha rivolto il monito a non spegnere i sogni dei giovani per i quali auspica una seria formazione culturale che solo la scuola può e deve dare dai 14 anni in poi. La scommessa è dunque tutta su di loro, i nostri giovani “giffoners”, e sulla loro capacità di ringiovanire idee e competenze in un paese che, come dice il regista Veronesi, forse non lo è neppure per gli adulti.